La postura del funambolo come attitudine psicofisica per attraversare l’incertezza

L’appuntamento virtuale è ancora sulla piattaforma Zoom il 9 giugno alle ore 18, per ascoltare il funambolo Andrea Loreni, che questa volta incontra Giulia Schiavone, dottoressa di ricerca in Educazione presso l’Università di Milano-Bicocca.

“Le radici nel cielo. La postura del funambolo come attitudine psicofisica per attraversare l’incertezza” è il titolo del terzo di una serie di dialoghi tra Andrea e altri/e professionisti/e che stanno dedicando il loro tempo alla ricerca di una Verità.

Si parla di educazione insieme a Giulia Schiavone, con la quale il funambolo ha già avuto modo di approfondire la ricerca sugli aspetti più trasversali del funambolismo, di studiare il suo valore come strumento non solamente performativo ma anche trasformativo, utilizzabile come percorso di crescita e trasformazione personale.

Come il funambolo ricerca un equilibrio precario in condizioni estreme, anche l’educatore sembra dover sostenere prove analoghe. Una delle questioni principali dell’educatore sembra infatti essere il suo modo di posizionarsi, di ‘prendere posizione’ sulla scena educativa.

Nella prospettiva di un professionista in continua formazione e trasformazione, la disciplina esercitata dal funambolo sembra tradursi in una duplice istanza: radicarsi, per essere autenticamente e consapevolmente presenti e a espandersi, per essere ricettivi, aperti, pronti a ricevere e ad accogliere l’altro. Allenando a una presenza con-centrata, vigile e attenta, gli esercizi psicofisici tratti dal training psicofisico del funambolo possono così responsabilizzare anche l’educatore circa la propria postura – fisica, emotiva e cognitiva -, spronandolo a interrogarsi costantemente rispetto al senso e all’intenzione messa nel proprio agire.

L’incontro, aperto a tutti, e in particolare rivolto a educatori, insegnanti e formatori, performer e praticanti di discipline artistico-corporee, sarà occasione per riflettere sul proprio abituale modo di camminare e di attraversare la scena educativa-performativa, un invito a esperire l’equilibrio come tensione vitale al movimento e alla ricerca di un continuo bilanciamento.

PRENOTA IL TUO POSTO PER LA CONFERENZA DEL 9 GIUGNO

Compila il form con i tuoi dati: riceverai i dettagli per accedere alla videoconferenza gratuita.

N.B.: l’invio dell’email è automatico e immediato. Se non la ricevi verifica nella casella di posta indesiderata.



Inviando questo messaggio, accetti la nostra Privacy Policy, che puoi consultare qui