pic

FILOSOFIA DEL CAVO

Energia in movimento

La traversata sul cavo è per Andrea un movimento su una linea tracciata, fatto in un determinato spazio e in preciso momento.

Ogni traversata è frutto di una precisa scelta, la scelta di portare la propria energia a vibrare insieme all’energia di un luogo, di un contesto, naturale o urbano.

E’ un momento di estrema sospensione e nello stesso tempo di massimo radicamento nel “qui e ora”.

La camminata del funambolo è un atto archetipico che comunica direttamente all’inconscio, mostrando una via dove nessuno avrebbe immaginato ce ne potesse essere una. 

Sospendere l’ordinario, alzare gli occhi al cielo e scoprire lassù, tra architetture familiari, un azzardo straordinario: il sottile equilibrio del funambolo. Uno spettacolo profondamente simbolico, denso ed essenziale, sintesi del sentire umano. 

“Io mi immagino che ci sia una sorta di contesto che sul cavo, piano piano, si è ampliato perché non ci sono solo più io e il cavo, ma son io e il cavo attaccato a due colline, attaccate per terra, attaccate a un mondo dentro un universo.” 

A tu per tu con la paura

La traversata non rappresenta solo il punto di arrivo di un percorso, fatto di un grande sforzo fisico e mentale, è anche un potente mezzo di consapevolezza, in cui Andrea è entrato ed entra ogni volta in dialogo con istinti irrazionali e paure primigenie. 

Camminare sul cavo teso sul vuoto crea l’occasione di incontrare parti di sé e di stare con quello che ‘accade’ nel momento. 

Si incontrano in quell’istante vari elementi: l’insorgere della paura e l’accoglienza della paura, l’acquietarsi del pensiero e la concentrazione sull’attimo presente, lo stare nel corpo con il cavo e sul cavo, il sentire il rischio della caduta e il ‘possibile’ contatto con l’assoluto. 

Andrea fa di tutto quello che accade sul cavo e prima di salirci, materia di dialogo, formazione, riflessione, condivisione.

Raccontando la sua esperienza unica di performer, artista ed essere umano impegnato in un percorso di ricerca della verità, è relatore e formatore in corsi, workshop e seminari di meditazione, crescita personale, gestione della paura, espressione del potenziale, per privati ed aziende. Vai alla sezione “Formazione”

“sul cavo io vivo profondamente il momento attuale, il cavo è il luogo di morte del mio ego, dove memorie e aspettative cessano di esistere. Insieme alle paure. E se non si ha paura di avere paura si può aprire la porta dietro la quale giace l’assoluto, che sta in fondo a tutte le cose”.

Gli aspetti tecnici della traversata

Il cavo teso su cui Andrea cammina è il risultato di un grande lavoro, di progettazione e di squadra.

Ogni traversata si svolge in un luogo diverso, ogni location richiede lo studio della soluzione tecnica più idonea.

Per questo tipo di allestimenti negli anni Andrea ha fidelizzato un team di tecnici che lo segue nelle sue imprese e che per questo conosce perfettamente le caratteristiche del suo lavoro e le sue necessità.

“Mentre cammino sul cavo sono solo, eppure questa solitudine è fatta da molte mani, indispensabili, amiche, callose e delicate, che si prendono cura di me e mi permettono di essere solo, nel cielo.”

Guarda il video "The LED Walk - backstage"

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi